fbpx

Ecobonus

L’Ecobonus è una detrazione dall’Irpef o dall’Ires, che può essere richiesta per due tipologie di intervento: riqualificazione energetica dell’impianto di climatizzazione invernale e riqualificazione energetica globale dell’edificio.

La riqualificazione energetica dell’impianto di climatizzazione invernale consiste in un intervento di sostituzione o nuova installazione del generatore di calore alimentato da biomassa. È possibile, in questo caso, detrarre il 50% delle spese sostenute entro il 31.12.2020 fino ad un massimo di 30.000 euro per unità immobiliare. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali.

La riqualificazione energetica globale, invece, consiste in un insieme di interventi che incidono sulla prestazione energetica dell’intero edificio tra cui rientrano anche gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale. È possibile, in questo caso, detrarre il 65% delle spese sostenute entro il 31.12.2020 fino ad un massimo di 100.000 euro per unità immobiliare. Anche in questo caso, la detrazione è  ripartita in 10 quote annuali.

 

Quali requisiti devono avere i generatori di calore a biomassa?
Chi può chiedere l’Ecobonus?
Requisiti per ottenere l’Ecobonus 2020?

 

Requisiti dei generatori a biomassa
Sia nell’ambito dell’intervento di riqualificazione energetica dell’impianto di climatizzazione invernale che in quello della riqualificazione globale dell’edificio, il generatore di calore a biomassa deve avere un rendimento superiore all’ 85% ed essere in possesso della certificazione ambientale di cui al DM n. 186 del 07.11.2017.
I termocamini  Vulcano StarGold hanno tutti i requisiti richiesti dalla norma per poter beneficiare dell’Ecobonus.

Scopri la linea Vulcano StarGold

 

Richiesta dell’Ecobonus
La detrazione può essere richiesta dai proprietari, nudi proprietari e titolari di diritti reali sugli immobili sottoposti agli interventi di riqualificazione energetica.

 

Procedura di richiesta dell’Ecobonus

I passaggi principali per l’invio della richiesta:

  • Chiedere all’installatore la Dichiarazione di Conformità (rif. D.M 37/08)
  • Pagare con bonifico, inserendo la causale, data e numero della fattura, codice fiscale del soggetto pagante e codice fiscale del beneficiario
  • trasmettere a ENEA i dati richiesti nella scheda descrittiva dell’intervento entro 90 giorni dalla data di ultimazione dei lavori
  • Riportare i dati richiesti nell’apposita sezione della Dichiarazione dei redditi
  • Certificazione di un tecnico abilitato, che attesti la rispondenza dell’intervento agli specifici requisiti tecnici

Per maggiori informazioni, visita la pagina dedicata Ecobonus di Enea

Scopri gli altri incentivi